Viva l’Italia (senza Berlusconi)

Giovedì 1 agosto durante la sentenza Mediaset della Corte di Cassazione, Silvio Berlusconi è stato condannato in via definitiva per frode fiscale a quattro anni di reclusione (di cui tre condonati per via dell’indulto e uno da scontare ai domiciliari o con l’affidamento ai servizi sociali). Inoltre è stato stabilito che i termini dell’interdizione dai pubblici uffici dovranno essere definiti in un altro processo d’appello (the neverending story).

Dopo la sentenza Mediaset, Berlusconi ha girato un video messaggio per parlare alla Nazione. Il frame (Palazzo Grazioli) è il solito, ma stavolta l’atmosfera è diversa, più tesa. Niente ironia o sorrisi. In circa nove minuti ha raccontato la storia della sua vita politica: dalla discesa in campo del ’94, passando poi dall’odierna sentenza, fino al richiamo dei «giovani migliori e le energie migliori» per rimettere in piedi Forza Italia. E il filo conduttore di questa storia, il fil rouge che intesse tutto il racconto, è la Magistratura. O meglio, «un vero e proprio accanimento giudiziario che non ha eguali nel mondo civile» (parole sue).

Questo è ciò che si chiama strategia di spostamento dell’attenzione. L’obiettivo è quello di distogliere l’interesse dei media dallo scandalo, rivolgendolo verso altre vicende. Ecco perché insiste tanto sulla Magistratura corrotta, i giudici di sinistra e «l’azione fuorviante della magistratura». E sempre la Magistratura viene definita come «un soggetto irresponsabile» la quale, grazie alla sua «azione ininterrotta», «fece cadere il governo nel ’94».

Ovviamente non è la prima volta che B. utilizza questo metodo: lo aveva già fatto durante il Rubygate o gli altri scandali sessuali, portando tutta l’attenzione sulla questione della privacy, cercando di difendere la sua sfera intima e personale.

In questo modo, Berlusconi si ritrova al centrocampo in posizione di attacco, non di difesa. Passa da accusato a vittima. Da colpevole a eroe.

Il video messaggio è una storia perfetta: c’è un antagonista (la Magistratura) e il paladino che è chiamato all’urgenza per risolvere i problemi che affliggono il Paese. E «in cambio di un impegno di 20 anni quale è il premio? In cambio dell’impegno che ho profuso nel corso di quasi vent’anni a favore del mio Paese, giunto ormai quasi al termine della mia vita attiva, ricevo in premio delle accuse e una sentenza fondata sul nulla assoluto, che mi toglie addirittura la mia libertà personale e i miei diritti politici». Già, non poteva certo mancare l’accusa di irriconoscenza che va ad accentuare ancora di più il suo status di vittima. Vittima dello stato, vittima della legge, vittima dell’intero Paese. Sembra un mondo coalizzato contro Mr. B., che tutto giri intorno a lui e che il resto non esista. Intanto l’Italia muore lentamente.

Infine, Berlusconi conclude il suo discorso con: «Viva l’Italia, viva Forza Italia». Uno slogan già sentito migliaia di volte. Uno slogan di una vecchia pubblicità ormai passata di moda.

12 thoughts on “Viva l’Italia (senza Berlusconi)

  1. teleproclami…. messaggi televisivi…. campagnee giornalistiche…..striscioni e voli pindarici… nulla di ciò può comunque cambiare il fatto cge berlusconi è un DELINQUENTE.

    Mi piace

  2. se un cittadino qualunque avvesse fatto le dichiarazioni del nominato bondi si sarebbe trovato dopo 5 minuti la digos dietro la porta e proprio vero che siamo nella repubblica delle banane. neanche acristo e scusate l’accostamento sarebbe stato permesso tutto quello che stiamo permettendo ad un pregiudicato.daltronte i nominati devono fare i kamikaze per salvarsi il sedere se no che farebbero da comuni cittadini? io penso i disoccupati. chi crede veramente nella politica e nelle idee sarebbe il momento di abbandonare il padrone e condannato silvio. abbiano l’umiltà di rifondare una destra vera e democratica.

    Mi piace

  3. L’Italia senza Berlusconi, o qualcun altro del suo stampo e con le sue risorse, si avvia verso un funesto orizzonte di inquisitori e cittadini da inquisire come nel Medio Evo.
    Pertanto, ora nessuno potrà prevedere che fine farà quella manna che finora le sue aziende ci hanno elargito.
    Probabilmente anche Alessandro, Saverio ed Attilio si sono sempre foraggiati nella mangiatoia del Cavaliere, il quale ha sempre mandato avanti delle aziende che producono redditi, senza togliere nulla ai cittadini. Al contrario dell’immenso apparato burocratico che sta rapinando le ultime risorse di un popolo all’agonia.

    Mi piace

    • Piero, sicuramente tutti abbiamo tratto beneficio dalla ricchezza prodotta dalle sue aziende, ma non per questo gli si debba applicare lo Statuto Albertino che recita: la persona del Re è sacra e inviolabile.E’ la Costituzione Repubblicana che vale per tutti i cittadini.

      Mi piace

    • Piero, sebbene arcorese di nascita, non ho mai approfittato della mangiatoia dell’ex cavaliere lavorando tutta la vita all’estero senza alcun bisogno di inchinarmi ad un potente. Probabilmente tu, aduso a raccogliere, prono, briciole dalla mensa dei potenti, riversi su altri le tue abitudini.

      Mi piace

    • La manna che le aziende di Silvio ci hanno elargito come dici tu, te le puoi tenere e farci magari un panino, se non gli conveniva non credo che lo avrebbe fatto, a meno che anche tu non sia sul suo libro paga

      Mi piace

  4. Complimenti per le considerazioni che ci proproni, che trovo di una perfezione cristallina.

    Ho scoltato molti autorevoli opinionisti (o presunti tali) commentare l’argomento in questione, ma le valutazioni più lucide le ho lette qui.

    Ribadisco i miei complimenti.

    Mi piace

  5. secondo me l’errore è stato quello di non aver cooptato Abacuc (da “l’armata Brancaleone”) nel collegio di difesa……
    Secondo me Capannelle avrebbe fatto veramente la differenza e sarebbe riuscito a rappresentare berlusconi nella sua intima essenza al punto tale da sollecitare un profondo sentimento di pietà pure in giudici comunisti

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...