La stupidità ci perseguita

pensa%2C+e%CC%80+gratis

Teju Cole, giovane scrittore promessa statunitense di origine nigeriana, ha pubblicato il dizionario dei luoghi comuni in cui fa a pezzi cliché, banalità, conformismi intellettuali, pregiudizi e idee “giuste”. Questa lista di parole è una denuncia contro il pensiero automatico, contro la creazione standard dei pensieri. Secondo questo geniale autore «ci sono troppe formule standard nella nostra lingua. Queste si sostituiscono al pensiero, ma noi le pronunciamo ogni volta – per pigrizia, pregiudizio o ipocrisia – come se fossero una nuova intuizione». Così Cole, ispirandosi a Gustave Flaubert che aveva già fatto qualcosa di simile nel 1850, ha stilato il suo elenco di definizioni ironiche (che ho tradotto e riportato di seguito).

I luoghi comuni non conoscono barriere, sono la cosa più facile da esportare a giro per il mondo. Ma che noia avere tutte idee simili, pensare per automatismi, senza mai aggiungere un pizzico di creatività, senza mai dissentire. Certo, le nuove tecnologie e i social network in particolare, ci portano verso una cultura del consenso, in cui tutti sono d’accordo con tutti (ne avevo già parlato qui). Ma per fortuna ogni tanto c’è qualcuno che ci ricorda e ci rinfaccia, con ironia, la nostra stupidità e i nostri conformismi.

«Stupidity stalks us all», dice Teju Cole. La stupidità ci perseguita. Niente di più vero.

Africa: un Paese. Povero ma felice. Emergente.

Mandorla: tutti gli occhi sono a forma di mandorla.

Giornali: lamentarne la progressiva scomparsa. In realtà non comprarne nessuno.

Artigiano: un falegname, a Brooklyn.

Tramonto: bello. Come un quadro. Da postare su Instagram con l’hashtag #nofiltro.

Bambini: l’unica giustificazione per la politica. Dire sempre: “I nostri bambini”. Quelli senza bambini non hanno interesse a migliorare la società.

Australiani: estremamente in forma. Immuni al dolore. Se ne incontri uno, dire “da Foster”. L’intero Paese non è altro che spiagge.

Blu: il colore della purezza. Innumerevoli annunci misteriosi sono dedicati a pastiglie e assorbenti che assorbono liquido blu.

Caffè: dichiarare che quello di Starbucks è imbevibile. Comprarlo da Starbucks.

Coraggioso: condannato.

Crisi: ricordare che è composta dai caratteri cinesi “opportunità” e “pericolo”.

Razzismo: termine obsoleto, significato sconosciuto.

Seno: non è una questione da prendere alla leggera. Uno sguardo in televisione è sufficiente a distruggere un’infanzia. (Vedere la voce “bambini”).

Buddismo: la via della pace.

Ateismo: culto squilibrato di fanatici violenti.

Cesare: “veni , vidi, vici“. Per iniziare una conversazione riguardo la pronuncia.

Cinesi: chiedersi a cosa pensano.

Caramellato: termine usato per descrivere la pelle delle donne nere. Nessun altro significato noto.

Cristianesimo: la pace sulla Terra.

Chiarimento: inversione.

Comunità: seguita da “neri”. I bianchi, privi di comunità, devono accontentarsi di una proprietà.

Crimine: le attività illegali che coinvolgono i più piccoli importi di denaro.

Diversità: ovviamente auspicabile, entro certi limiti. Menzionare il vostro servizio nel corpo di pace.

Uova: dire sempre “non si può fare una frittata senza rompere le uova” appena si comincia a parlare di guerra.

Emigrati: immigrato ebreo.

Evoluzione: solo una teoria.

Fascismo: sempre seguito da “strisciante”.

Femministe: stupende, in teoria.

Pesce: un vegetale.

Tedeschi: quando si guarda il calcio “mai sottovalutare i tedeschi”.

Harvard: fonte di studi citati dalla BBC. Mai dire “sono andato a Harvard”. Dire “mi sono formato nella zona di Boston”.

Haute couture: dichiarare sempre che è fatta da uomini gay per ragazze giovani. Aspettare ore per vedere mostre di moda al Met.

Esilarante: mai dire semplicemente “divertente”.

Hip hop: l’old school hip hop, ovvero tutto ciò che era popolare quando avevi diciannove anni, è grandioso. Tutto ciò che viene dopo è intollerabile.

Hipster: uno che ha un odio irrazionale per gli hipsters.

India: introdurre il più rapidamente possibile nella conversazione la propria tolleranza o avversione per il cibo speziato. “Terra di contrasti”.

Internet: una perdita di tempo. Avere una lunga discussione online con chiunque non sia d’accordo.

Islam: religione di pace.

Giappone: misterioso. Sempre “i giapponesi”. Citare Murakami.

Proust: nessuno lo legge. Lo si rilegge, preferibilmente in vacanza.

Letteralmente: giura che preferisci morire piuttosto che usare “letteralmente” come intensificatore.

Autorevole: grosso libro, scritto da un uomo.

Uomini: dire sempre “tutti i migliori sono gay o fidanzati” in modo da farlo sentire a quelli singles.

Migranti: immigrato messicano.

Nietzsche: dire “Nietzsche dice che Dio è morto”, ma se qualcuno lo dice prima di te, allora dire “Dio dice che Nietzsche è morto”.

Parigi: romantica, nonostante i camerieri scortesi e i turisti giapponesi. Non ti piace semplicemente, la “adori”.

Poeta: sempre seguito da “pubblicato”. Funzione sconosciuta.

Carina: su Facebook, per indicare una donna poco attraente.

Giochi di parole: dire sempre “senza giochi di parole” per attirare l’attenzione sul gioco di parole.

Reggae: purtroppo c’è solo un album.

Scandalo: se politico, stupirsi che le persone siano stupite. Se sessuale, definirlo una distrazione, ma cercarne i dettagli.

Intervento: sempre “chirurgico” (vedi la voce “uova”).

Tv: molto migliorata. Meglio dei romanzi. Se qualcuno dice The wire rispondere I Soprano, e viceversa.

Notevole: ogni opera che conferma i propri pregiudizi.

Tour de force: un film più lungo di due ore e mezzo e non in inglese.

Valori: “dobbiamo fare qualunque cosa per difendere i nostri valori”. Dirlo prima di distruggerli.

Yeats: autore di due citazioni.

Verginità: un’ossessione in Iran e nell’industria dell’olio d’oliva. Può essere persa, come un portafogli.

2 thoughts on “La stupidità ci perseguita

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...