Storie di ordinaria follia


woman cage
È l’ennesima prova dell’incompetenza dei nostri politici. È l’ennesima prova che un dialogo costruttivo ed edificante sui social network non è possibile. È l’ennesima guerra mediaticaIl web funziona così: devi sempre schierarti da una parte o dall’altra. Se non lo fai vieni stigmatizzato dalla tua società di appartenenza. Come al solito però, gli estremi non vanno mai bene. In questo caso, sessismo e antisessismo sono da condannare entrambi. Sto parlando dello scontro tra Grillo (e grillini) e il Presidente della Camera Laura Boldrini (e relativi boldriniani con il coro di femministe a seguito). Infatti, dopo che Grillo ha pubblicato un post sul suo blog dal titolo Cosa succederebbe se ti trovassi la Boldrini in macchina?”, sono partite le offese, neanche a dirlo, a sfondo sessista. 

La Boldrini ha poi dichiarato che questa vicenda «è un’istigazione alla violenza, basta vedere i commenti, tutti a sfondo sessista. Vuol dire che chi partecipa al quel blog non vuole il confronto, ma offendere e umiliare. Sono potenziali stupratori». Ora, tralasciando l’ironia che si è scatenata anche su quest’ultima frase (è un po’ come dire «voi che esultate su Facebook per un goal, allora siete tutti potenziali centravanti!»), bisogna ricordare un dato di fatto: è Internet, bellezza. È così che va la rete, accessibile e usufruibile da tutti, senza distinzioni. Ma a tutto c’è un limite.

Indipendentemente dalle idee e dal colore politico, l’insulto sessista è riprovevole. Non dovrebbero essere proprio i politici a essere un punto di riferimento e a dover dare il buon esempio ai cittadini? Tra l’altro proprio Grillo, esperto di blog e di comunicazione online, non sospettava che quel post avrebbe prodotto commenti sessisti? Che Grillo abbia più volte utilizzato un linguaggio sessista lo sappiamo già (ad esempio quando fece l’esempio del punto G). Ma il suo essere sessista si può notare ancor di più in quello che non dice, ovvero quando non affronta la questione femminile in Italia.

Nemmeno la democrazia dei Paesi Occidentali sembra aver sconfitto la violenza domestica, il sessismo e la differenza di genere. La soluzione a questi problemi non è certo facile, ma parlarne sarebbe già un buon punti d’inizio. Il sessismo non si sconfigge certo con il silenzio, la censura, con i divieti o con la gogna mediatica. Il sessismo non scompare così. Bisogna discuterne, far emergere temi e difficoltà, creare un dialogo costruttivo. In tv, in radio, sui giornali. In Parlamento, nei programmi tv, per strada. Il problema è che l’agenda politica, così come quella mediatica, ha sempre ben altre priorità a cui rivolgersi. Le donne possono aspettare. È così da sempre.

Insomma, se una donna viene ritenuta incompetente ecco che scatta subito l’offesa sessista. Se l’incompetente fosse un uomo, varrebbe lo stesso? Il «Siete qui perché brave solo a fare i pompini» detto dal deputato grillino alle donne del Pd come sarebbe diventato a parti invertite?

In semiotica, per verificare se un’affermazione è sessista o meno, si utilizza la prova di commutazione: immaginate le stesse parole pronunciate da una donna verso un uomo. Fatto? Bene. Se l’effetto che ne è venuto fuori appare comico e ridicolo, allora significa che c’è disparità di genere. Una donna, per muovere delle critiche verso un uomo, avrebbe tirato in ballo la discriminazione in base al sesso di appartenenza?

Ancora una volta mi trovo a ribadire che il linguaggio è importante, perché il potere delle parole è talmente forte da rafforzare stereotipi sociali. Ancora una volta l’immagine della donna viene svilita e appiattita. Ancora una volta i nostri politici sembrano proprio aver toccato il fondo. Sono storie di ordinaria follia… e, ahimé, di ordinario sessismo. A volte non ci resta che piangere.

3 thoughts on “Storie di ordinaria follia

  1. Pingback: Pubblicità alla prova (di commutazione) | Dis.agree

  2. Neanche una parola sulla sberla che si è presa in faccia una grillina da un uomo? e sulla solidarietà bipartisan non alla grillina, ma all’uomo stesso? Secondo me è molto più grave questo che dare della pompinara (magari, prendendoci anche)…

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...